Sistemi ibridi - ecogas

Cosa si intende per sistemi ibridi?

I sistemi ibridi sono impianti ad alta efficienza che uniscono la tecnologia della pompa di calore con quella di una caldaia a condensazione per produrre riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria.

Hanno tre le modalità di funzionamento

  1. Solo caldaia
  2. Solo pompa di calore 
  3. Entrambe contemporaneamente

Il concetto è lo stesso dell’auto ibrida. A basse velocità utilizza l’elettricità, una volta schiacciato l’acceleratore il motore ha bisogno di vigore e sfrutta la benzina. Anche in questo caso, in base alla convenienza, il sistema utilizzerà un generatore o l’altro o entrambi. Gli azionamenti sono gestiti autonomamente dal sistema grazie al supporto dei sensori, che valutano non solo la temperatura interna rilevata e quella richiesta ma anche la temperatura esterna.

Quali sistemi ibridi esistono?

In generale, per quanto riguarda gli altri aspetti, i vari modelli sul mercato hanno caratteristiche simili:

  • nel caso di appartamenti di grosse dimensioni è possibile integrare la caldaia con un accumulo per l’acqua calda sanitaria;
  • tutti i sistemi in commercio sono gestibili da remoto tramite app;
  • per quanto riguarda il rumore, il punto debole è l’unità esterna della pompa di calore. La maggior parte delle macchine esterne raggiunge una potenza sonora massima compresa tra i 64 e i 65 db;
  • un impianto da accoppiare alla pompa di calore, che potrebbe portare notevoli benefici, è l’impianto fotovoltaico. Ovviamente, la convenienza dell’impianto dipende dal luogo dove vivi e dalla possibilità di “puntare verso sole”.

L’unico paramento che si differenzia e che incide sull’efficienza energetica è la modulazione della potenza. 

Vediamo insieme alcuni esempi:

  1. Sistema ibrido classico composto da caldaia a condensazione, pompa di calore aria acqua. Costi di investimento ridotti: non è necessario sostituire i radiatori e le tubazioni esistenti. Vantaggi: installazione semplice e rapida grazie alle dimensioni compatte. Possibilità di abbinamento con un accumulo di ACS. Possibilità detrazione fiscale al 65%, 110%, conto termico.
  2. Sistema Multi ibrido composto da caldaia a condensazione, pompa di calore aria e unità split interne. Raffrescamento ad espansione diretta grazie alla PDC aria aria; produzione ACS grazie alla caldaia a doppia condensazione (anche contemporaneamente al raffrescamento). Possibilità detrazione fiscale al 65%, 110%, conto termico.
  3. Sistema ibrido con “concetto Hydrosplit” composto da caldaia a condensazione, pompa di calore elettrica solo riscaldamento aria acqua. Flessibilità di installazione: l’unità esterna risulta estremamente compatta, avendo esattamente gli stessi ingombri di una caldaia classica. Installazione plugplay: installazione rapida. Tutti i componenti idraulici sono inclusi. Non serve l’abilitazione f-gas essendo la PDC ermetica. Produzione ACS istantanea fino a 15 l/min. Abbinabile ad accumuli o al solare termico. Possibilità detrazione fiscale al 65%, 110%, conto termico.

Quali sono i vantaggi di un sistema ibrido?

Inseriti recentemente sul mercato, i sistemi ibridi risultano essere vantaggiosi sia in termini di rendimento energetico che in termini di risparmi nei costi per ogni kWh di energia prodotta e riduzioni di emissioni inquinanti. Non solo:

  • Hanno il vantaggio di poter essere allacciati direttamente all’impianto di riscaldamento esistente senza richiedere alcuna opera pesante di ristrutturazione
  • Il sistema gestisce le varie fonti di energia nel modo più efficiente e ottimale scegliendo tra le diverse fonti disponibili: sole, aria, gas
  • Comfort e affidabilità in qualsiasi condizione climatica. Nel momento in cui l’apporto da fonte rinnovabile non è sufficiente, il sistema fa intervenire la caldaia a condensazione senza che vi siano delle interruzioni di sistema
  • Basso impatto estetico e poca rumorosità

Quanto costa l’installazione di un impianto ibrido?

Detrazione fino al 110% per i costi di installazione e fornitura 

Il costo di un impianto varia dai 6.000€ fino ai 12.000€, compreso di:

  • fornitura dei generatori: 3.000€ – 9.000€. Il prezzo si riferisce ai modelli delle migliori marche (Daikin, Vaillant, Baxi). Acquistando macchine economiche potresti risparmiare fino al 10%
  • Accessori per il montaggio + collegamenti idraulici ed elettrici + manodopera muratore, elettricista e idraulico 5.000€

Fortunatamente, i costi di installazione e fornitura possono essere detratti fino al 65% sfruttando l’Ecobonus dell’Agenzia delle Entrate. Per ottenere l’incentivo, dovrai pagare attraverso il bonifico “parlante” e inviare la comunicazione al portale dell’Enea. Il 65% della spesa ti verrà restituito in 10 rate annuali tramite delle detrazioni sull’IRPEF. 

Ma attenzione, fino a dicembre 2021, installando dei sistemi integrati in sostituzione degli impianti esistenti, è possibile ottenere il Superbonus al 110%.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *